Immagine coordinata • Eventi • Social strategy

Osteria Luce

L’Osteria Luce è la più antica taverna di Oria, piccolo paese salentino. La sua riapertura, con cambio di gestione, ci ha affascinato da subito per le potenzialità comunicative e contenutistiche che si sarebbero potute sviluppare nella sua promozione. La genuinità dell’impresa, la semplicità dell’offerta, il legame con la storia del territorio e le persone che lo abitano, ci hanno fatto innamorare di questo progetto, per il quale abbiamo creato la nuova identità visiva, dal logo all’insegna, impostato la Social Strategy e curato l’evento di inaugurazione.

  • Osteria Luce
  • Ristorazione
  • Design logo, Immagine coordinata, Inaugurazione

  • Giugno/Settembre 2019
  • Osteria Luce
Storytelling
Oggi la luce è riaccesa, ogni volta che è sera, per ogni straniero di sé stesso, in un’intermittenza di ricordi.

La strategia comunicativa impostata parte dal concetto di recupero di una tradizione creduta persa, per poi lanciarsi verso l’inaugurazione di un nuovo concetto di gestione imprenditoriale.
La storia della “Vecchia Trattoria Luce” è stata utilizzata per stimolare una sfera emotiva che si ricollega alla storia delle due anziane ultime proprietarie, costrette a chiudere il loro ristorante (prima locanda di posta della città!) a causa della crescente concorrenza e del soffocante impegno che ormai non riuscivano più a soddisfare. Rimasta chiusa per nove anni, il nuovo proprietario si è proposto di riaprire quel locale e di rilanciarlo. Il nuovo che, invece di sostituirsi, continua il vecchio, rinnovandolo: la comunicazione che n’è seguita ha puntato al recupero dei tratti caratteristici della vecchia locanda per trasformarla in qualcosa di inedito e contemporaneo, che mantiene il gusto della semplicità e del ricercato particolare.

Immagine coordinata
Ogni storia comincia con un viaggio. E ci sono alcuni viaggi che cominciano quando una storia non ha più nulla da dire.

Il Design scelto per il logo fonde la semplice uniformità dei tratti – che richiamano il classico stile del trentennio e contemporaneamente recuperano il font della vecchia insegna – con l’eleganza che si vuole far trasparire e che coinvolge tutto il BRAND della nuova gestione. Il lampione al suo interno richiama l’aneddoto che portò alla nascita del nome: l’arrivo nel piccolo paese dell’illuminazione elettrica pubblica.
Sull’insegna, realizzata interamente a mano, in legno di ulivo e ferro, quello stesso particolare del lampione diventa concreto e reale: fuoriuscendo dalla base lignea contiene al suo interno la lampada che segnala lo stato di apertura dell’Osteria.

Riaccensione
L’Osteria Luce si riaccenderà, in una sera di fine estate, perché il caldo passa, ma la #luce ce la portiamo dentro.

Una comunicazione così attenta al sentire del territorio, alla sua emotiva partecipazione verso un progetto imprenditoriale, non poteva che portare ad un’inaugurazione che trascendesse il suo più banale significato: un evento che potesse ri-allacciare il legame rotto, creandone dei nuovi.

Una Riaccensione.
L’evento è stato introdotto da un momento suggestivo creato dalla registrazione di un breve testo che recuperava gli eventi succeduti fino a quel momento, dall’apertura nel 1898 al cambio della gestione. Particolarmente significativo è stato il simbolo delle candele accese, date agli ospiti, durante l’ascolto della registrazione, e il consecutivo loro spegnimento, a simboleggiare appunto il ritorno di una luce, spenta da anni, grazie alla quale la fiamma delle candele risultava inutile, teneramente obsoleta.

Project Photo Gallery